L'Inverno - andreaferrariphotography

L'Inverno – interiore

(le immagini sono tutte in mia soggettiva che guarda gli avvenimenti distorti dalla mia mente)

Nella piazza vuota, i miei pensieri e paure, da nascoste mi sbucano nella mente.

L'Inverno - piazza

Un uragano di pensieri e paure avanzano verso di me, martellanti come raffiche di mitra.

Le mie paure strisciano e si insinuano, la paura del mostro che alberga dentro la gente,

la paura dello straniero, la paura della guerra con due fazioni opposte che si urlano alla finestra,

gente che spara e che non sa di essere già morta, sono dei fantasmi.

L'Inverno - piazza

Il corridoio, il percorso del mio malessere con in fondo l'inevitabile.

I guardiani della mente dovrebbero proteggermi ma si burlano di me come delle giocose scimmie.

Sullo sfondo dottori e avvocati discutono dell'avviarmi verso la struttura di sanità ma sono dei lupi, degli ingannatori, non vogliono il mio bene.

L'Inverno - percorso

Ormai assente, assieme agli amici (immaginari) i confidenti, scrutiamo nel mio inverno interiore.

L'Inverno - vista

In una delle stanze della mente immaginavo di curarmi,

ma il maestro, una figura ambigua dagli occhi ammalianti e dalla bocca orrifica, è un cospiratore e mi vuole tutto per sé

indicandomi che non è possibile trovare pace dal mio malessere.

(il maestro è una proiezione di me stesso)

L'Inverno - stanza

L'Inverno - storytelling copyright © 2018 Andrea Ferrari

Powered by SmugMug Log In